Vivere lento, prendersi del tempo per se stessi e gli altri, dedicarsi alla terra per toccarla con mano e sentirsi vivi.

 

Qualche giorno fa è stato il compleanno del mio papà, colui che della vita lenta (e faticosa) ne sa parecchio.

E dato che il 2019 è anche l’anno del Turismo Lento, oggi sento di dover ringraziare mio padre qui sul mio blog perché è proprio lui che ha contribuito a farlo nascere.
No, non c’entra nulla il tecnicismo dello strumento: lui di cosa sia un blog non ha ancora le idee chiare così come oscuro è il significato delle parole “facebook” o “instagram”.

 

Quello che mio padre ha seminato in me va ben oltre questi strumenti digitali: ha fatto nascere nel mio profondo la forte consapevolezza delle mie radici, quelle contadine, facendomele amare a suon di zappe, soppressate e trattori.

 

Mi ha fatto capire che nonostante qualche anno fa io sia andata via dalla Calabria per lavorare e creare la mia nuova famiglia a Milano, non c’è metro all’avanguardia, lavoro super figo e moda all’ultimo grido che tenga: quando torno da lui, vicino a quel trattore, quella zappa e quello stile di vita lento, io mi sento libera, mi sento me stessa al 100 %.

 

È lui che, da quando sono nata, mi trasmette ogni singolo giorno la sua incommensurabile passione per la terra e l’arte contadina, anche se poi non sono mica brava come lui.

“L’uartu vò l’uamminu muortu”
(l’orto vuole l’uomo morto)

 

Una frase che mi ripete sempre per ricordarmi che il lavoro del contadino richiede tempo e fatica e praticamente non ha orari di inizio e fine.
Ma come potrei dimenticarlo se una delle mie più grandi preoccupazioni è legata alla domanda “Chi porterà avanti queste faticose e meravigliose tradizioni? Come posso renderti lo stesso fiero di me?”

 

È un tarlo che mi mangia il cervello ogni volta che lo vedo sudare, affaticarsi e sorridere con bocca e occhi quando con orgoglio mi mostra i frutti del suo lavoro come i salumi calabresi che profumano di autenticità e passato, o quando continua a spiegarmi con passione il periodo giusto per ogni piantagione e io, immancabilmente, continuo a dimenticarlo.

 

È per questo che scrivo, fotografo e condivido la sua vita su questi strumenti moderni che per lui sono ancora un po’ alieni: lo faccio per tramandare la sua arte a modo mio nell’unico modo che posso, qui da Milano e ogni volta che torno a Cetraro in Calabria per trascriverle oltre il passare del tempo.

 

E dopo più di due anni da quando ho aperto questo blog, nel suo piccolo è diventato un po’ famoso. Armato di smartphone, sorrisi e quella semplicità della vita contadina calabrese, il mio papà è ormai una piccola star del mio blog.

 

Chi mi segue da un po’ ormai conosce bene i suoi messaggi whatsapp in dialetto calabrese, in cui mi racconta come si piantano le cipolle o come ha cucinato la zucca appena raccolta con tanto di documentazione fotografica. O i selfie nell’orto mentre coltiva il mais o è alle prese con la realizzazione di soppressate, peperoni o attrezzi che sembrano sbucare dal passato.

 

E sebbene quel significato di blog e social network resta sempre un po’ ancora da capire, ci ha preso in fondo gusto che qualcuno apprezzi la sua semplicità; perché sente che allora quella vita contadina, forse troppo semplice rispetto al benessere moderno, non è in fondo una cosa di cui vergognarsi, ma anzi andare fieri.

E io fiera lo sono all’infinito, orgogliosa di avere la fortuna di poter toccare ancora con mano quelle tradizioni di Calabria che ormai stanno per scomparire e di cui papà è ancora un fautore pieno di dignità.

 

E quindi ecco che, ogni volta che pubblico le sue foto o anche ora che gli sto dedicando un’intera pagina di questo mio diario digitale, è come se dicessi:
“Papà, io sono dovuta andare via, io non sono il figlio maschio che avrebbe potuto portare avanti la tua nobile arte e forse anche da figlia femmina sarei dovuta rimanere a imparare e seguire il tuo esempio, ma il mio orgoglio per quello che fai è grande quanto te, indipendentemente da dove la vita mi porterà”.

 

E anche se questa mia vita è tra un PC, una riunione e una corsa frenetica in metro, io non dimentico mai da dove vengo.

 

Perché ho qualcuno che mi insegna la gioia nella semplicità delle cose e l’umiltà come valore fondamentale.

 

E quel qualcuno si chiama papà.

LAURA

 

Nata e cresciuta a Cetraro (Calabria), vivo a Milano con il cuore verso sud. Qui racconto la mia terra tra luoghi, sapori e tradizioni. Per sapere di più su di me

 

27 Commenti
  • Laura, sono sicura che anche tuo padre è super fiero di te! In un modo diverso dal suo porti avanti le storie e le tradizioni della Calabria che rischiano di andare perse. In questi mesi ho imparato a voler bene la tua magnifica famiglia (nonne e zie incluse) con i loro piatti e la loro saggezza popolare. E’ bellissimo vedere il frutto del lavoro nei campi. Un lavoro nobilissimo. Oggi più che mai.
    Nel vivere lentamente c’è il segreto della buona vita.
    Un abbraccio al tuo babbo!

    Febbraio 27, 2019
      • Ma grazie a te che ci stai facendo scoprire la Calabria ed i suoi magnifici abitanti!

        Febbraio 27, 2019
  • nicoletti enzo

    sei fortunata di aver un papa cosi

    Febbraio 27, 2019
  • Ciao Laura! Siamo sicuri che con il tuo blog stai rendendo onore e soprattutto stai facendo conoscere le tradizioni della tua terra che altrimenti in tanti non potrebbero conoscere! In più le stai accompagnando verso il futuro! Siamo certi che qualche giovane volenteroso leggendo i tuoi articoli deciderà di intraprendere questa vita lenta di cui tuo padre è uno splendido cultore!😉

    Febbraio 27, 2019
  • Lo si percepisce dalle tue foto che tuo padre ama fare quello che fa e sono certa che sia molto fiero di te. In fondo, anche se con i nuovi mezzi a disposizione, porti avanti la tradizione. Certo, magari non lavorerai mai i campi come lui ma ne preservi la storia e la tradizione.

    Febbraio 27, 2019
  • Un uomo come pochi. Il mestiere del contadino è un lavoro che si sta perdendo in nome della modernità. Ho seguito un po’ le tue avventure e quelle di tuo papà nel suo orto. Passione, dedizione e amore, soprattutto verso la sua famiglia sono quello che lo rendono un uomo unico. Bravo davvero!

    Febbraio 27, 2019
  • Evviva questo fantastico papà evviva le tradizioni, evviva chi ama la terra! Post bellissimo, cose che generazioni future probabilmente non potranno provare… Bravissima Laura!

    Febbraio 27, 2019
  • Non solo tu sei fiera del tuo papà e della tua terra e, soprattutto, il tuo papà è fiero di te, ma anche noi lo siamo. Noi, i tuoi lettori che ogni giorno tramite le tue parole e le tue foto imparano sempre più sul meraviglioso territorio calabro che tu ami tanto.
    E per questo ti dico grazie Laura ❤️

    Febbraio 27, 2019
  • Bellissimo e toccante quello che hai scritto, le tradizioni fanno parte di noi, da sempre. E sono certa che Grazie anche ai tuoi racconti, a quello che sei e fai, il tuo papà sia fiero di te, come tu lo sei di lui.

    Febbraio 27, 2019
  • Cara Laura, questa è una bellissima lettera d’amore di una figlia a suo padre. Un gesto, il tuo, paragonabile alla splendida arte di tuo padre, entrambi in via d’estinzione. Parole che un poco mi emozionano, non lo nascondo; parole di altri tempi, parole che non siamo più abituati ad ascoltare. Tuo padre deve essere fiera di avere una figlia come te. Ti auguro di vivere questo amore a lungo. Certo, se riuscissi ad imparare almeno a fare le soppressate la Calabria intera gioirebbe, oltre ai tuoi amici che ne ritroverebbero il sapore genuino. Brava Laura

    Febbraio 28, 2019
  • Hai scritto un post meraviglioso!! Mi ha emozionato sentirti parlare di tuo padre, sono sicura che lui è già fiero di te e ti fa onore scrivere di lui e della sua passione per la terra e per i salami calabresi. Bravissima!!

    Febbraio 28, 2019
  • Un bellissimo post. Hai trasmesso tutta la passione di tuo padre verso la terra e la tua passione per lui e per le tue meravigliose radici. E abbiamo molto in comune sai 😊

    Febbraio 28, 2019
  • Laura questo articolo è forse uno dei più belli che abbi letto. Il tuo attaccamento alla Calabria è palese. Indipendentemente da dove sia la tua vita adesso, il richiamo alle radici è forte e sempre presente. E tutto questo amore è dovuto soprattutto alla meravigliosa figura di tuo padre. Una dichiarazione d’amore verso lui e verso la tua terra. Complimenti!

    Febbraio 28, 2019
  • Dora

    Le parole scritte in questo racconto arrivano dritte al cuore. Laura la fierezza e la dolcezza con cui descrivi il duro ma gratificante lavoro del contadino non lasciano indifferenti. Non ti nego che mi sono rivista in te, sia per l’amore e l’orgogli che ho per il mio papà, ma anche per l’amore verso la nostra Calabria, la nostra terra, la nostra casa. Sei una persona davvero speciale, io da tua follower sono fiera di poter dire c’è una calabrese che vive a Milano e fa conoscere al mondo quanto sia bella la nostra terra da sempre martoriata, e se sono fiera io di averti conosciuto, immagino il tuo papà quanto lo sarà di te. Grazie per tutto Laura, continua così, abbiamo bisogno di gente come te.

    Maggio 22, 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

error: Il contenuto è protetto 😉