Cosa c’è di meglio di una totale immersione nella natura coccolati dall’abbraccio dell’aria pulita? Il bello del mio paese Cetraro è che puoi scegliere se andare al mare o in montagna senza percorrere kilometri e perdere troppo tempo.

Proprio per questo io e Fabri abbiamo deciso di passare, prima di andare in spiaggia, una mattina sul Monte Serra, un luogo magico tra natura e spiritualità a circa 600 metri sul livello del mare.

 

Un monte imponente che brilla di verde, sulla cui sommità si trova il Santuario dedicato alla Maria SS della Neve, nato nel XIX secolo come piccolo luogo di culto grazie ad un fedele e poi man mano ristrutturato e ampliato.

Foto che ho scattato dal Centro Storico

 

Raggiungere il Santuario del Monte Serra di Cetraro è un’attività molto cara non solo ai tantissimi fedeli in pellegrinaggio (da sempre molti fanno voto alla Madonna) ma anche agli appassionati di trekking e di fotografia che adorano i meravigliosi scenari naturalistici e i panorami sulla costa che questo luogo regala.

Per arrivare fino in cima si può infatti:

  • utilizzare la macchina (come abbiamo fatto noi pigroni 😁)
  • avviarsi a piedi attraverso l’emozionante Sentiero dell’Avis su cui si incontra
    – l’omonimo cratere di origine carsica che emana verso l’esterno aria calda d’inverno e aria fresca d’estate
    – “i timpi i l’apa”, rocce somiglianti ad alveari

 

Il sentiero, scandito da cartelli con i nomi popolari dei luoghi, è stato realizzato dal Cantiere Sociale di Identità Santa Lucia, un gruppo di volontari che hanno a cuore la valorizzazione del loro territorio d’origine di cui si prendono letteralmente cura da tantissimi anni con amore.

 

© Foto del mio amico Salvatore Iozzi

 

Io e Fabri ci siamo svegliati presto, ci siamo preparati ma non abbiamo fatto colazione.

 

Non c’è niente di meglio di un bel panino al sacco da portarsi nello zaino. Saliti in macchina per raggiungere il Monte ci siamo fermati al mini-market del mio amico Rino in contrada San Filippo per farci preparare del buon pane integrale calabrese con mortadella e provola silana. Ecco, ora sì che siamo pronti per l’escursione!
Durante il viaggio è inevitabile fermarsi ogni tanto per scattare qualche foto tra una curva e un’altra, immortalando vecchi ruderi e panorami incredibili.

 

 

Appena arrivati in cima l’aria pulita, quel meraviglioso panorama e il profumo che veniva dagli zaini ci hanno subito fatto venir fame. Impossibile resistere ancora a quei deliziosi panini!

 

 

La sensazione che si prova quassù è indescrivibile, sembra letteralmente di volare e la voglia di non scendere più è tanta.

Sento di avere il mio paese tra le braccia, guardandolo dall’alto, osservando ogni suo movimento in una posizione privilegiata.

Guardate che spettacolo: si vede Cetraro Paese (e la Chiesa di San Benedetto, il nostro patrono), il Porto Turistico e la meravigliosa scogliera con la Torre di Rienzo.

Anche Fabri, che adora scattare foto, è completamente perso in questo stupendo scenario, come se l’aria fresca e pulita avesse ripulito anche la sua mente. C’è un silenzio tale che anche parlare tra di noi ci sembra sbagliato per evitare di rovinare questo momento di pace che ci circonda; perchè la montagna unisce, crea e solidifica i legami e rende tutto speciale.

 

 

Lo spazio del Santuario si compone dalla Chiesa (al cui interno si trova la statua della Madonna) e da un altare esterno immerso nella natura (di più recente costruzione) utilizzato per le celebrazioni all’aperto.

 

L’amore per questo luogo da parte dei fedeli e dei volontari è tangibile ovunque: dagli spazi appositamente realizzati per meglio organizzare i ricorrenti festeggiamenti alla cura impeccabile del verde, fino ad arrivare alla segnaletica stradale indispensabile per raggiungere la vetta.

 

Il Santuario del Monte Serra è un un’oasi di pace che lascia ampio spazio alla contemplazione e alla meditazione, a prescindere dalla fede. Da qui potete godere di una ampia vista sulla costa tirrenica , incorniciata dai fiori e dal canto degli uccelli.

 

Quando sei quassù, apprezzi il silenzio e impari a trovare la tua dimensione in simbiosi con la natura. I tuoi pensieri iniziano a scorrere liberi perché sei lontano dal caos della vita di tutti i giorni, hai modo di riflettere su tante cose accompagnato dalla tranquillità del paesaggio circostante.

 

Avete mai fatto caso al fatto che a volte è difficile tirare fuori delle emozioni che restano lì, assopite in un angolino di noi stessi?

Ecco, qui si riesce spontaneamente ad emozionarsi davanti la semplicità della natura, accompagnati solo da pensieri positivi.

 

E d’estate è bellissimo quando il Santuario si arricchisce di vita e condivisione con la tipica Sagra della Rustichella tra cibi e musica dal tocco calabrese, oppure quando al 5 di agosto si celebra la festa liturgica del Santuario con tre giorni di tradizioni e spiritualità mariana.

 

Vi lascio con un breve video che ho ripreso col cellulare. C’è un po’ di vento che disturba l’audio ma, in fondo, quel momento è stato paradisiaco anche per questo.

DOVE SI TROVA IL SANTUARIO DEL MONTE SERRA: LA MAPPA

Salva

LAURA

 

Nata e cresciuta a Cetraro (Calabria), vivo a Milano con il cuore verso sud. Qui racconto la mia terra tra luoghi, sapori e tradizioni. Per sapere di più su di me

 

21 Commenti
  • Che pace e serenità. Mi sembra di poster respirate l’aria pura!!

    Luglio 5, 2017
  • È una vergogna non essere mai stata in Calabria nonostante io sia pugliese!!! In primavera vorrei organizzare un bel giro in moto dalle vostre parti per scoprire questi paesaggi meravigliosi 😍😍😍😍😍 spulcerò i tuoi post per bene!! 😍😍😍

    Luglio 17, 2017
  • Che meraviglia, un luogo davvero da sogno! E poi che dire di quei panini… gnam gnam 😀

    Luglio 17, 2017
  • Bellissimo! Fino a quando non ho conosciuto il tuo blog, non sapevo l’esistenza di Cetraro e tutta questa zona! Mia madre è di Isola Capo Rizzuto e quindi conosco meglio la costa ionica … devo rimediare per conoscere anche altri luoghi della Calabria!

    Luglio 17, 2017
  • Che bel posto! Mi piacciono questi panorami!

    Luglio 17, 2017
  • che meraviglia! ma quando arrivano le vacanze??? avrei proprio bisogno di un posto del genere dove staccare dal pc. Se mi dici che non prende nemmeno il cell ci vado a piedi da Roma!

    Luglio 17, 2017
  • La vista panoramica è spettacolare. Io, intanto, aggiungo alla famosa lista 😘

    Luglio 17, 2017
  • La Calabria è una di quelle regioni che devo ancora visitare. Ma se lo facessi, sicuramente prenderei come buono il tuo consiglio.

    🙂

    Luglio 17, 2017
  • Io sono di Crotone, e non conosco molto la zona cosentina, se non per la Sila. Molto interessante il tuo blog, la Calabria deve essere conosciuta anche e soprattutto per i suoi tesori!

    Luglio 18, 2017
  • Meravigliosa la vista che si ammira dalla sommità del Monte Serra, per certi versi simile ad altre realtà calabre. L’idea di arrivare al santuario percorrendo un sentiero a piedi mi piace molto; scommetto che il panino risulterebbe anche più buono 🙂 Cari visitatori visitate la Calabria non ve ne pentirete!

    Novembre 29, 2017
  • Alessandro

    Io sono stato sul Monte Serra una settimana fà,facendo la strada x le auto… il tutto è partito come una semplice camminata ma poi strada facendo è diventata una sfida personale. Arrivato in vetta è stato quasi un atto liberatorio, ho passato alcuni minuti a meditare nel silenzio magnifico che solo in posto del genere si può trovare,per poi rimettermi nella via del ritorno. È un’escursione che consiglio vivamente…

    Agosto 21, 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

error: Il contenuto è protetto 😉