(da “Il culto di San Benedetto a Cetraro” di Leonardo Iozzi)

Spare la Turricella, e fa primera
Ruppe la vila granna e la menzana
Da Santa Maria s’auze ‘na bannera
Da la muntagna sane la campana
Da la Testa puo’ spuntu’ li galeri
E ‘matula lu tristu s’alluntane!
E lu Viecchiu puo’ scinne a la marina
‘Mbare la ‘Vemmaria a lu Turchiu canu!

Non ci sono commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

error: Il contenuto è protetto 😉