(da “Il culto di San Benedetto a Cetraro” di Leonardo Iozzi)

Santu Benadittu miiu benignu,
prutetturu di chistu riegnu,
prega a Ddiu, ca ni si’ dignu,
terremotu no ‘ ngi nni veggna.
Ngi vulere ‘na trumma d’oru
e ccu’ ‘nu filici coru
aduradi a cchistu Santu,
San Benadittu si mierite tantu.
Populu miiu, fa’ penitenza,
populu miiu, no’ peccàdi cchiù;
g’iè Santu Benadittu chi ngi penza
a pregàdi lu suu Gesù.
Santu Benadittu patriarcu,
patrunu di sta terra e di Sammarcu;
Santu Benadittu patri e bbuonu,
patrunu di sta terra e di Cutrunu.

verso per le donne in cerca di marito
(dal profilo di Marina De Pasquale)

Santu Benadittu miu benignu
Tanta brutta no ‘nci signu
Nu picca’ i doti puru ‘a tijignu
Mannamilu nu buunu cumpagnu.

Non ci sono commenti

Siamo spiacenti, i commenti non sono disponibili in questo momento.

error: Il contenuto è protetto 😉